Ricette per grigliate e scampagnate #3

Eccoci dunque alla terza ed ultima ricetta ideale per le scampagnate e grigliate in compagnia.
Non c’è picnic che si rispetti senza un bel dolce, e cosa c’è di meglio che portarsi dietro dei comodi e meravigliosi muffin ai mirtilli?
Ormai lo avrete capito, i muffin non mi stancano mai!
(Ricetta liberamente ispirata al libro di Sugarless)

 

Ingredienti per una decina di muffin:
– 180 grammi di farina di riso;
– 220 ml di latte di riso;
– 30 grammi di farina di mandorle;
– 130 grammi di zucchero di canna;
– 50 ml di olio di semi;
– 1 cucchiaino di cremor tartaro;
– 1 cucchiaino di bicarbonato;
– 1 cucchiaino di succo di limone;
– 1 cucchiaino di vaniglia;
– Almeno 120 grammi di mirtilli tagliati a pezzetti.

Preriscaldare il forno a 180 gradi.
Unire tutti gli ingredienti secchi in una ciotola capiente, poi aggiungo il latte e l’olio di semi mescolando con una frusta ed eliminando tutti i grumi.
Aggiungere il succo di limone, la vaniglia, i mirtilli e amalgamare il tutto.
Riempire i pirottini da muffin per 3/4 o poco più.
Cuocere per 25 minuti, facendo la prova dello stuzzicadenti alla fine. Tenete conto che i mirtilli si cuoceranno e lasceranno l’impasto leggermente umido ma super delizioso.
Un consiglio che mi sento di dare è questo: più mirtilli usate meglio è, in modo da avere un risultato finale molto marmellatoso.

Muffin ai mirtilli

Per accompagnare questa ricetta vi lascio un bellissimo pezzo nordeuropeo: “What else is there?” dei Royksopp. Il colore di questi muffin riprende perfettamente le atmosfere del video capolavoro per il singolo della band norvegese.

Fun fact: la protagonista del video non è la cantante, ma una modella norvegese. La vocalist, Karin Dreijer Andersson (già cantante del duo elettronico The Knife), compare circa al secondo minuto del video mentre mangia da sola ad una tavola imbandita a festa.

Ricette per grigliate e scampagnate #1

La Pasquetta è appena passata e con essa anche la tradizionale grigliata in campagna con gli amici. Visto che (ovviamente) la parte della grigliata non fa per me, quest’anno ho portato da casa tutto il pranzo. Non solo è stato economico, ma anche molto soddisfacente: ho potuto gustare quello che volevo e anche provare qualche nuova combinazione di sapori. Questo è il primo (di tre) post per condividere con voi delle soluzioni pratiche per affrontare le grigliate o le scampagnate senza che i vostri amici debbano strizzarsi il cervello per cercare di prepararvi qualcosa da mangiare. Meglio fare da soli.

Ho già lodato più e più volte la quinoa: in questa versione fredda è un ottimo sostituto del riso o della pasta e assorbe bene i sapori sia degli ingredienti che del condimento.
Va da sè che questa insalata può essere arricchita con quello che si vuole, io ho messo quello che avevo in casa ma niente vi vieta di aggiungerci mais, olive, altri tipi di verdura o anche del tofu aromatizzato o addirittura dei wurstel vegani. Decidete voi, devo dire che questa combinazione (liberamente ispirata alla ricetta presente nel libro di Girovegando) mi ha dato molta soddisfazione.

 

Ingredienti per tre o quattro persone:
– Una tazza di quinoa;
– Mezzo peperone rosso;
– Tre carote medie;
– Una confezione di pomodorini pachino;
– Una lattina di ceci (circa 250 grammi);
– Due rametti di menta fresca;
– Una manciata di prezzemolo fresco;
– Olio extravergine di oliva q.b.;
– Il succo di mezzo limone (oppure aceto);
– Sale q.b.

Seguite le istruzioni della vostra confezione di quinoa per una resa migliore. La mia diceva questo: lavate molto bene la quinoa e mettetela a cuocere in una pentola con la proporzione di una parte di quinoa e due di acqua. Quando l’acqua prende bollore abbassate la fiamma e coprite la pentola. Fate cuocere per 10 minuti, dopodiché spegnete il fuoco e lasciate riposare per altri 5 minuti, poi mettela in una ciotola, sgranate i grani con la forchetta (come si fa con il cous cous) e aggiungete un cucchiaio di olio extravergine. Lasciate a raffreddare.
Nel frattempo lavate e tagliate i pomodorini a pezzetti e strizzateli un po’, in modo che perdano acqua.
Pelate e tagliate a fettine sottili le carote.
Lavate e tagliate il peperone a rettangolini.
Unite i ceci scolati e lavati alla quinoa, aggiungete anche i pomodorini, le carote e il peperone; infine la menta ed il prezzemolo tritati finemente. Date una bella mescolata.
In una ciotola preparate il condimento unendo insieme due o tre cucchiai di olio, il limone (o l’aceto) e il sale e infine versatelo sulla quinoa. Mescolate per bene e lasciate a riposare almeno un’oretta in frigo, di modo che tutti i sapori si mischino per bene per ottenere una insalata di quinoa ancora più buona.

 

Quinoa e verdure

 

Primavera ben arrivata. Quest’anno ti abbraccio io e lo faccio con la musica giusta: “I feel better” dei Frightened Rabbit è l’ideale per andare a correre e lasciarsi alle spalle il freddo pungente dell’inverno. Anche se non siamo ancora alle temperature calde che tanti di voi amano, si può dire che il peggio è passato.

Soprattutto posso iniziare a sussurrare, se non a dire ad alta voce, I feel better.