Sformato di quinoa, cavolfiore e cipolla.

Continua la mia passione sfrenata per l’uso del forno. C’è qualcosa nel gesto di infornare e sfornare che mi fa sentire veramente a casa.
Questa volta inforniamo e sforniamo uno sformato di quinoa, cavolfiore e cipolla rossa, liberamente ispirato alle ricette del numero di dicembre di “WeVeg“, mensile di alimentazione e cucina vegana.
Rispetto alla ricetta originale, ho sostituito i porri con la cipolla rossa,  dimezzato le porzioni e quasi raddoppiato il tempo di cottura in forno.

Il risultato finale non mi ha convinto del tutto, secondo me andava arricchito con qualche sapore in più, come per esempio olive, capperi e pomodorini secchi. Non fraintendetemi, è molto buono, ma qualcosa per me non ha funzionato. Forse è colpa della quinoa che sto usando, che per quanto venga lavata e rilavata accuratamente, mantiene un sapore di bruciacchiato che non sopporto, o forse questa può essere presa solo come una preparazione base da arricchire con ingredienti più saporiti.

IMG_0361

Ingredienti per due persone:
– 250 grammi di cavolfiore lavato;
– 150 grammi di quinoa;
– 1 cipolla rossa media;
– 2 cucchiai abbondanti di farina di ceci;
– Sale q.b.;
– Olio extravergine di oliva q.b.;
– Pepe q.b.

Lavate accuratamente la quinoa e mettetela a cuocere seguendo le istruzioni sulla confezione, usando però due parti di acqua per ogni parte di quinoa.
Sbollentate il cavolfiore lavato e tagliato a cimette in acqua bollente salata per circa 20 minuti.
In una padella oliata, fate ammorbidire la cipolla. Aggiungete un goccio di acqua alla volta per non farla attaccare e cuocetela fino a quando non avrà cambiato colore.
Accendete il forno a 180°.
Quando questi ingredienti saranno pronti, metteteli tutti insieme in un mixer insieme a del pepe, a una passata di olio e ai due cucchiai di farina di ceci.
Fate andare le lame del mixer fino ad ottenere un composto appiccicoso ma ben amalgamato.
Mettete della carta forno in una teglia e adagiatevi dentro il composto, livellandolo dove necessario. Versate ancora sulla superficie olio di oliva e cuocete per almeno 40 minuti. Io ho dovuto cuocere per 50 minuti, con gli ultimi 10 di funzione grill, mentre la ricetta originale prevedeva una cottura di soli 30 minuti.
Lasciate raffreddare un pochino e servite con un contorno verduroso.

IMG_0367

 

Oggi mi faccio accompagnare dalla bellissima musica di Richard Ashcroft. Ogni tanto mi dimentico della sua esistenza, poi riascolto i suoi album e torno esattamente a quando li ho sentiti per la prima volta. In particolare “You on my mind in my sleep” mi regala una dolce malinconia che oggi voglio abbracciare e tenere solo per me.

If all we lose is the skin
I’m putting you under within
We’re gonna make this life together
The symptoms are too deep
I got you on my mind in my sleep
you on my mind in my sleep

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...