Baciotti con cioccolato fondente.

Questa è una ricetta che ho scovato dall’internet di corsa, e preparato altrettanto di corsa per un té in famiglia. Se non abbiamo l’ansia da prestazione non siamo contenti.
La ricetta l’ho presa dal blog I paciocchi di Francy e ho cambiato solo un paio di ingredienti. Ho usato lo zucchero di canna, ma è successa una cosa strana: è diventato salato.
Non so bene cosa sia successo, però al palato dava dei richiami salati. Mah. Se qualcuno di voi conosce la causa di questo fenomeno me la dica!
In ogni caso se usate lo zucchero normale o uno zucchero di canna più sottile non dovreste avere alcun tipo di problema.
La ricetta è facilissima, se fate delle palline piccole cuociono anche in fretta e vi riempiranno casa di un profumo avvolgentissimo.

Ingredienti per una decina di biscotti (20 metà):
– 100 grammi di farina di mandorle;
– 100 grammi di zucchero di canna;
– 100 grammi di farina mix it (oppure 00)
– 65 ml di olio di riso;
– 30 grammi di cioccolato fondente.

Sembrano pianetini.

Sembrano pianetini.

Accendete il forno a 150°.
In un mixer versate la farina di mandorle e lo zucchero di canna, fate andare le lame per ottenere un composto molto molto fine.
Trasferitelo in una ciotola e unite la farina e l’olio. Lavorate con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo e al tatto un po’ sabbiosello.
Inumiditevi le mani e formate delle palline, più piccole sono meglio è, e schiacciatele su una teglia coperta di carta forno.
Infornate e cuocete per 25 minuti o finché non saranno dorate dopodiché tirate fuori e lasciate a raffreddare completamente.
Quando saranno fredde sciogliete il cioccolato fondente a bagnomaria e ricoprite una delle due metà del biscotto, appoggiatela sopra l’altra e mettete a raffreddare. Servite con un caffè o un tè forte bello caldo.

Dopo che avrete fatto questi baciotti, dopo che li avrete condivisi con qualcuno, dopo che avrete goduto del loro caldo abbraccio, godete della musica. Godete di questa “You ain’t alone” degli Alabama Shakes, di tutta la carica di questo live.

You ain’t alone, so why you lonely?
there you go on the dark end of the street
are you scared to tell somebody how you feel about somebody?
are you scared what somebody’s gon think?
or…
are you scared to wear your heart out on your sleeve?
are you scared me?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...