Tortino stracolmo di mirtilli.

So che è una follia accendere il forno con questo caldo, ma non ho potuto resistere. Ho trovato degli ottimi mirtilli e ne ho comprati in gran quantità.
Ne vado così pazza che ho riempito questo tortino semplicissimo fino a rischiare di non farlo cuocere correttamente.

Rispetto alla ricetta originale l’impasto per la base mi è rimasto più bagnato, poiché mi è caduta un poco più di acqua (mannaggia a me!). Se però seguite le istruzioni non ci saranno problemi e otterrete una base bella compatta. Ho poi dimezzato la dose di zucchero nel topping, perché era veramente troppo dolce per i miei gusti.

Ingredienti:
Per la base
– 1 tazza di farina di mandorle;
– 1/3 di tazza di farina di cocco (non il cocco grattuggiato);
– 52 grammi di olio di cocco;
– 1/3 di tazza di sciroppo d’acero;
– 4 cucchiai di acqua;
– 1/2 cucchiaino di bicarbonato

Per il ripieno
– 360 grammi di mirtilli;
– 1 cucchiaino di amido di mais

Per il topping
– 1/2 tazza di farina di riso;
– 40 grammi di olio di cocco;
– 30 grammi di zucchero (ho usato quello di canna)

Preriscaldate il forno a 180°.
In una terrina capiente mischiate insieme gli ingredienti per fare la base. Cercate di utilizzare l’olio di cocco già sciolto, sarà più semplice.
Spalmate il composto in una teglia ricoperta di carta da forno.
Lavate e asciugate i mirtilli, selezionando quelli da buttare (evenualmente), dopodiché cospargeteli con l’amido di mais e metteli sopra la base nella teglia.
In una tazza mischiate gli ingredienti per il topping e lavoratelo con le dita, come si fa con il crumble. Otterete così una consistenza sabbiosa da distribuire sopra i mirtilli.
Infornate per circa 40 minuti a forno statico e lasciate raffreddare completamente prima di servire. Se necessario lasciarlo in frigo qualche ora, in modo da compattarlo.

Tortino mirtilli

Non ci si può ingozzare di mirtilli senza pensare ai paesi nei quali spuntano come funghi, Islanda in primis.
Anche da noi, ovviamente, ma questo accostamento cade a fagiolo per la canzone che accompagna il nostro delizioso simil-crumble. I Sigur Rós sono forse il gruppo più famoso (dopo Bjork) dell’isola che tanto amo, e con questa canzone favolosa – Njósnavélin“, chiamata anche “The Nothing Song“, hanno firmato la colonna sonora di “Vanilla Sky”.
La canzone è eterea, dotata di incredibile profondità emotiva e – se devo essere sincera – profuma di mirtilli selvatici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...