Secondi veloci: ceci e cavoletti di Bruxelles.

La prima ricetta “ufficiale” dell’anno non poteva che essere presa direttamente dal piano alimentare che sto seguendo. Il mercoledì è il giorno dei ceci e dei cavoletti di Bruxelles, sapori che vengono uniti dal dalla morbidezza della cipolla. Tutto qua, tre ingredienti principali (più le varie spezie) che rendono il pranzo un momento veramente speciale.

Ingredienti per una persona:
– 250 grammi di ceci cotti;
– 5 cavoletti di Bruxelles;
– Una cipolla bianca;
– Una manciata di semi di cumino;
– Un cucchiaino di curcuma;
– Una manciata di semi di sesamo;
– Tre cucchiai circa di salsa di soia;
– Olio extravergine di oliva q.b.

Per questa ricetta ho scelto di usare i ceci secchi: li ho ammollati in acqua fredda per 12 ore e li ho cotti poi per due ore in acqua bollente. Nessuno vieta di usare quelli in lattina eh, anzi.
Tagliate la cipolla a pezzi non troppo piccoli, mettetela a rosolare in padella con un filo di olio, un goccio di acqua e coprite con un coperchio. Il fuoco va tenuto a livello medio per tutta la ricetta.
Pulite i cavoletti togliendo le prime foglie (se sono brutte), lavateli e tagliateli a metà. Controllate la cipolla e quando inizia ad ammorbidirsi aggiungete i cavoletti e ancora un filo di acqua. E’ importante aggiungere pochissima acqua alla volta per evitare quell’effetto “bollito” che non sempre va bene nelle ricette. Tenete d’occhio che non evapori tutta e nei successivi 10 minuti aggiungetela all’occorrenza.
Quando i cavoletti inizieranno ad ammorbidirsi, aggiungete i ceci e amalgamate.
Versate la salsa di soia, i semi di cumino ed i semi sesamo, mischiate e lasciate cuocere con il coperchio finché il liquido non si sarà assorbito tutto. Servire caldo.
Potete accompagnare questo piatto con una insalata fresca e ricca.

Ceci e cavoletti

Ho iniziato questo anno nuovo con calma, con la consapevolezza di avere bisogno di lasciar andare quello che va lasciato andare. È molto difficile ma bisogna provare a farlo, altrimenti non si va avanti.
Calma, riflessione, cambiamento: queste sono le tre parole che scelgo per me stessa e per la musica che mi accompagna oggi.
Vi lascio dunque con la canzone dei Kiasmos “Lit”, un piccolo gioiello di elettronica da far accapponare la pelle di bellezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...