Cucina affettiva. (Fiori di zucchina in pastella leggera)

Sono fermamente convinta che cucinare sia una pura espressione d’amore: amore per sé stessi e per gli altri. Cucinare significa osservare, meditare, conoscere, ricercare, sperimentare, accettare il fallimento e ritentare. E’ compreso l’avere dei limiti e riuscire a superarli, mettere in campo tutta la creatività disponibile (ok, non con tutte le ricette, siamo d’accordo).
Cucinare è un atto estremamente affettivo.
Ecco perché oggi vi presento la ricetta preferita di mia madre (e mia): fiori di zucchina in pastella.

Quello che mi piace di come mia madre cucina i fiori che raccoglie nel nostro orto è proprio la pastella: è leggerissima, si sente appena appena e rende croccanti i petali senza alterarne il sapore. E’ una vera gioia per il palato.
N.B.: Mi hanno trovato una bella intolleranza al lattosio, quindi al momento utilizzo una lista di prodotti testati senza lattosio che vanno dai dadi per cucinare fino alle creme per il corpo. Per questa ricetta la farina 00 è di marca Il Molino Chiavazza. Non lo dico per fare pubblicità ad un prodotto in particolare ma perché magari su queste pagine capita qualcuno che ha lo stesso mio problema e per questo motivo d’ora in poi segnerò il nome dei prodotti ad hoc, chissà che non possa essere utile ad altre persone.

Ingredienti:
– Un numero imprecisato di fiori di zucchina;
– Tre cucchiai di farina tipo 00;
– Acqua q.b.;
– Olio per friggere;
– Un pizzico di sale.

Il segreto principale per questi fiori di zucchina è la pastella: deve essere liquida. Prendete una ciotola, versatevi dentro la farina e abbastanza acqua per renderla liquida. Mescolate per bene.
Pulite e lavate i fiori di zucca come meglio gradite, state attenti a controllare che non ci siano insetti fra i petali, tagliateli a metà e poi immergeteli nella pastella. Ovviamente non tutti insieme ma fate dei “turni”, mentre una parte è a friggere immergete gli altri e via dicendo. Man mano la pastella si ridurrà, voi aggiungete acqua a vostro gusto e se serve ancora farina.
Nel frattempo mettete a scaldare su fuoco medio una padella con all’interno del generoso olio per friggere. Vi consiglio di non usare quello di oliva o i fiori resteranno molli. Io ho usato il Friol, per intenderci.
Per controllare che l’olio sia pronto ad accogliere i vostri fiori fate gocciolare una goccina di pastella nella padella, se frigge per bene è giunto il momento.
Io non sono brava a friggere e mi sono fatta aiutare da mia madre, ma non bisogna avere paura: mettete i fiori in padella e lasciate a cuocere finché non inizieranno a dorarsi, quindi girateli e lasciate cuocere allo stesso modo. Mi raccomando, il fuoco non deve essere altissimo, anzi!
Adagiate i fiori sulla carta da cucina in modo da lasciare assorbire l’olio in eccesso.
Potete gustarli anche con il pepe oppure lo zucchero, come la mia bisnonna ha insegnato a mia madre.

Fiori cotti

 

La foto fa schifo, mi rendo conto. Sto cercando di imparare a farne di migliori ma non è così facile come sembra, però confido nella mia volontà.

Dunque eccoci anche per questa ricetta alla parte musicale. Parto con il dire che per me fiori di zucchina = estate, estate = leggerezza, leggerezza = si balla!

Nei giorni scorsi ho avuto modo di apprezzare il nuovo singolo dei Kasabian “Eez eh” e ho deciso che sarà la canzone di questa calda stagione. E’ inutile al punto giusto e fa venire voglia di alzare il volume, buttare giù un altro sorso di birra e lanciarsi in mezzo alla pista per ballare. Solitamente i Kasabian non mi fanno impazzire, li conosco poco e mi annoiano in fretta, ma questa canzone è l’eccezione che conferma la regola.
Quindi premete play, alzate il volume e lasciatevi andare a questa estate che ormai non ci lascia più nessuno scampo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...